Logo BioPD  

Accesso remoto al CIV usando Windows Millennium Edition


 Indice 

 Premesse 

Questo manuale presuppone che l'utente disponga di Windows ME (Millennium Edition) in lingua italiana. Se si possiede una versione in altra lingua, si può utilizzare egualmente questo manualetto, tenendo presente che l'utente dovrà "tradurre mentalmente" le informazioni e le didascalie di seguito riportate, per poter effettuare correttamente le scelte o per introdurre i dati necessari.

Altri manuali riportano le modalità di connessione via Windows NT 4.0, Windows 98, MacOS.
Per chi dispone già di un collegamento con il CIV è sufficiente identificare le parti scritte in
rosso che sono quelle che hanno subito le modifiche rispetto alla precedente modalità di collegamento. Come si vedrà, si tratta di davvero poche cose che semplificano ulteriormente la procedura di connessione ai nuovi utilizzatori.

Innanzitutto per poter usufruire del collegamento TCP/IP di WindowsME in modalità PPP è necessario che sulla propria macchina sia installata l'utility Accesso Remoto e sia installato e configurato un Modem. Qui di seguito NON sono riportate le istruzioni per queste due procedure che dovrebbero essere automatiche con Windows ME. Eventualmente si può fare riferimento alle analoghe procedure descitte per Windows98 (link). Windows ME da questo punto di vista si comporta imn maniera del tutto analoga al precedente sistema operativo.


 

 Creazione Nuova Connessione 
  1. Dal menu Start lanciare l'applicazione Connessione Remota.

Figura 1

  1. Compare una finestra nella quale vi è un icona denominata Crea nuova connessione.
    Figura 2
  1. Cliccare su questa icona. Compare una nuova finestra in cui viene richiesto di  digitare un nome per il computer al quale si sta effettuando la connessione. Sotto questa scritta vi è un campo vuoto in cui va scritto CIV o qualsiasi altro nome simbolico atto a ricordarci che la connessione che stiamo configurando serve per collegarci al modem server del CIV.

Figura 3

  1. Nel campo indicato dalla didascalia Selezionare un modem, dovrebbe essere presente il modem collegato al PC, utilizzato, se questo è stato correttamente impostato attraverso il Pannello di Controllo alla voce Modem.
  2. Facendo click sul pulsante Avanti viene richiesto l'inserimento del numero telefonico a cui ci si deve collegare per accedere ad Internet.
    1. Nel campo Indicativo località scrivere il codice del prefisso telefonico di Padova cioè 049.
    2. Nel campo Numero di telefono inserire il numero di ricerca automatica delle linee telefoniche disponibili del CIV cioè  7801030.
    3. Nel campo Indicativo del paese scegliere dal menu a discesa la voce Italia (39).

      Figura 4

    4. Se si usa un gestore di telefonia diverso da Telecom Italia senza avere attivato l'opzione di preselezione del carrier (CPS) bisogna lasciare vuoto il campo indicativo località e scrivere il prefisso dell'operatore utilizzato, il prefisso di Padova e il numero telefonico tutto nella casella "Numero di telefono". Per esempio se si usa Wind si dovrà scrivere 10880497801030 (tutto di seguito!).

      Figura 5

      N.B.
      :Nel caso di Infostrada il prefisso è 1055, nel caso di Tele2 è 1022.
  3. Confermare con un click sul pulsante Avanti.
  4. A questo punto compare il messaggio di conferma del completamento delle operazioni di configurazione.
  5. Fare click sul pulsante Fine.

    Figura 6

  6. Se tutto è andato bene, all'interno della finestra Connessione Remota, comparirà l'icona della nuova connessione, indicata dalla didascalia CIV.
    Figura 7

 Proprietà della Connessione 

Non dovrebbe essere necessario apportare alcuna modifica alle impostazioni predefinite della proprietà della connessione appena creata, ma è sempre meglio effettuare un controllo:

  1. Dal menu Start lanciare l'applicazione Connessione Remota e fare click con il pulsante destro del mouse sull'icona CIV.
  2. Compare un menu contestuale. Selezionare la voce Proprietà di tale menu. Figura 8

  3. Si apre una finestra con sei linguette.
    1. La che compare automaticamnente è denominata Generale e contiene le informazioni relative alla connessione di cui si è già detto in una precedente sezione. Controllare che quanto inserito sia effettivamente quello che si vuole.

      Figura 9

    2. La seconda linguetta è denominata Rete.
      1. Nella sezione Tipi di server per la connessione selezionare la voce PPP: Internet, Windows NT Server, Wndows ME
      2. Nella sezione Protocolli di rete consentiti controllare che sia attivato soltanto il tipo TCP/IP (disattivare gli altri: NetBEUI e Compatibile IPX/SPX se per caso sono attivi.
      3. Cliccare quindi sul pulsante Impostazioni TCP/IP.
        Compare una nuova finestra in cui vanno lasciati TUTTI  i valori preimpostati, cioè:
        • Indirizzo IP assegnato dal server.
        • "Indirizzi del server dei nomi assegnati dal server".
          E' QUESTA LA PIU' SIGNIFICATIVA DIFFERENZA RISPETTO AL VECCHIO SISTEMA DI CONNESSIONE.
          In precedenza infatti bisognava specificare l'indirizzo IP del DNS primario. Ora NON è più necessario!
        • Anche per le opzioni Usa compressione intestazione IP e Usa gateway predefinito sulla rete remota è sufficiente conservare i valori preimpostati. 

        Figura 10

    3. Anche per tutte le altre 4 linguette (Protezione, Esecuzione Procedure, Collegamento Multiplo, Composizione) debbono essere mantenute le impostazioni predifinite.
  1. Chiudere la finestra Proprietà della Connessione facendo click sul pulsante OK.

 Prima Connessione 
  1. Per avviare la connessione è sufficiente fare un doppio click sull'icona denominata CIV nella finestra di Connessione Remota.
    La finestra di dialogo che compare ci invita ad inserire il nome utente che sarà del tipo nome.cognome (per esempio: mario.rossi) così come concordato con il CIV all'atto della presentazione della domanda. In precedenza era del tipo bioNNN ove NNN era un valore numerico. Una volta inserito questo "nome utente" resterà memorizzato per tutti i successivi collegamenti.
  2. Inserire anche la password così come concordato con il CIV. Quando si digita quest'ultima compaiono sullo schermo degli asterischi per mantenere la segretezza. Anche la password è sufficiente che sia digitata una prima volta e rimane memorizzata per i collegamenti successivi se si seleziona l'opzione relativa al suo salvataggio.
    N.B.: E' importante ricordare che la coppia nome utente/password che deve essere qui inserita è diversa da quella che si usa per accedere alla propria casella di posta elettronica (account, mailbox). Essa infatti serve SOLAMENTE per accedere via modem ad Internet. Se poi si vuole consultare la propria posta elettronica bisognerà con un opportuno programma (Eudora, Outlook Express ecc...), inserire il nome utente e la password necessarie ad accedere alla propria casella di posta elettronica.

    Figura 11
  3. Nella finestra di dialogo che compare quando si fa click sull'icona CIV, a destra della didascalia "Origine chiamata", vi è un pulsante "Proprietà...".
    Se si hanno dei dubbi riguardanti le proprietà di composizione della chiamata conviene premere tale pulsante.
  4. Compare una nuova finestra nella quale risultano importanti essenzialmente questi dati:
    1. Esclusione dell'avviso di chiamata: se l'utente ha attivato il servizio dell'avviso di chiamata, deve escluderlo selezionando l'opportuna casella e digitando il numero che consente tale disattivazione.
      Figura 12

    2. Tipo di segnale: può essere a Frequenza o a Impulsi.
      Se si è in dubbio, conviene selezionare A impulsi, anche se oggi quasi tutte le linee telefoniche sono ormai A frequenza.
    3. Origine della chiamata: se la chiamata al CIV avviene a partire da un distretto telefonico diverso da quello di Padova, prima di eseguire la connessione è necessario eseguire qualche altra operazione di configurazione.
      1. Di fianco al campo Origine della chiamata c'è un pulsante con la didascalia Nuova... Se si chiama da fuori distretto bisogna fare click su questo pulsante.
      2. All'interno della finestrella compare la scritta Nuova località cui biosogna sostituire il nome della località e nel campo Indicativo località va inserito il prefisso telefonico della città da cui si effettua la chiamata.

        Figura 13 Figura 14


  5. Si ritorna alla finestra di avvio della connessione. Per avviare la composizione del numero di telefono del modem server del CIV è sufficiente fare click sul pulsante Connetti.
  6. Se si sono inserite diverse località da cui chiamare è sufficiente selezionare dal menu a discesa identificato dalla didascalia Origine della chiamata la località in questione.
  7. Una volta composto il numero, se esso risulta libero compare una icona animata che indica che la connessione è in corso e che sta avvenendo la verifica del nome utente e password. Se tutto è stato configurato a dovere e se nome utente e password sono corrette, dopo alcuni secondi, l'icona animata si riduce all'immagine di un modem che finisce in basso adestra sulla barra delle applicazioni.
  8. Da questo momento in poi si possono attivare tutte le applicazioni in grado di sfruttare le risorse di rete utilizzando un collegamento PPP.
    Sostanzialmente il lavoro di Connessione Remota da questo punto in poi diventa completamente trasparente, dato che il suo compito di fornire un'interfaccia di collegamento trasparente fra la nostra macchina ed Internet: da questo momento il computer, dotato dell' IP address assegnato dinamicamente dal server, diventa a tutti gli effetti un nodo di Internet.

 Avvertenze Finali 

Per evitare bollette telefoniche salate e di occupare in modo indebito la linea telefonica ricordarsi di disconnettersi al termine della sessione di lavoro in Internet!!!
Windows ME infatti non prevede una sconnessione automatica.

Per eseguire questa procedura bisogna :

  1. Fare click col pulsante destro del mouse sulla barra delle applicazioni in corrispondenza dell'icona del modem.
  2. Selezionare la voce Disconnetti.
  3. In questo modo la connessione termina.

© 1998-2002 BioPD - Università di Padova - Autore: Leopoldo Saggin - Ultima versione: 23 dicembre 2002
La massima cura è stata posta affinchè le informazioni presenti in questo documento siano esatte.
L'autore declina comunque ogni responsabilità derivante dall'uso delle informazioni presenti in questo documento.
Tutti i marchi registrati riportati sono proprietà delle rispettive società